L’arrivo di un nuovo animale… c’è spazio nel cuore?

In questi giorni sto tenendo “Crescere Insieme”, un corso dedicato ai neo-proprietari di cuccioli di cani, allo scopo di aiutarli nella crescita del proprio compagno animale.

 

Introducendo il percorso, mi sono trovata a riflettere sul fatto che quando arriva un nuovo cucciolo, non è sempre detto che trovi uno spazio di relazione libero.

 

Nella nostra vita adottiamo tanti animali e con ognuno di loro stringiamo una relazione d’amore unica e speciale, ricca di eventi straordinari e di ricordi meravigliosi. 

 

Quando i nostri animali se ne vanno, nel nostro cuore restano tracce visibili del loro passaggio.

 

Queste tracce spesso, rischiano di essere delle grandi bolle di dolore che ci ricordano costantemente che loro non ci sono più e la nostalgia che proviamo è così forte da inondare tutti i nostri ricordi.

Quando sentiamo questo dolore o questo vuoto, possiamo fare diverse cose, tra cui:

arrivo cucciolo
  • scegliere di non avere più animali perché non ce la sentiamo di affrontare di nuovo quella sofferenza a quel dolore
  • scegliere di riempire quel vuoto con un altro animale

Entrambe le strategie sono delle fughe dal nostro mondo interiore e dal nostro dolore. 

 

Sono modi che noi abbiamo per non entrare in contatto con ciò che stiamo provando, perché sentiamo che in quello spazio c’è qualcosa che ci fa stare davvero tanto male.


Quando siamo governati da questo evitamento, se scegliamo per esempio di adottare un cucciolo, è molto probabile che lui non trovi uno spazio libero nel nostro cuore perché ci sarà ancora tanta presenza dell’animale che oggi non c’è più, il cui ricordo lo trasformerà in un idolo, un esempio da seguire, che condizionerà inevitabilmente il nostro modo di percepire il cucciolo.


Quando facciamo entrare nella nostra vita un nuovo animale è davvero molto importante aver osservato e accompagnato chi non c’è più.

 

In modo da mantenere nel nostro cuore il ricordo di un’amicizia e tutti i tesori che questa ci ha donato senza che però questa presenza diventi motivo di confronto con il nostro cucciolo.


Questo argomento è davvero molto delicato perché ogni volta che ho un cane o un gatto ci lascia, abbiamo la sensazione che una parte della nostra vita se ne vada con lui.


In effetti è così, ogni inizio ed ogni fine rappresenta un cambio epocale per noi.

E invece di fluire nel cambiamento e accogliere le nuove possibilità, spesso restiamo aggrappati ad immagini e ricordi che invadono il nuovo spazio di relazione, facendoci giungere all’orecchio una eco che ci ricorda che nulla sarà più bello ed intenso come lo era prima


Così, quando arriva un cucciolo, ci aspettiamo di ripetere la stessa esperienza, fatta di momenti simili di abitudini simili e di sentimenti simili.


Tutto questo prende il nome di “aspettativa”. 


L”aspettativa non ci dà la possibilità di vivere serenamente la nostra nuova relazione perché noteremo sempre quello che non c’è piuttosto che quello che c’è.


Le differenze saranno vissute come mancanze e il cucciolo non sentirà interiormente di potersi esprimere per quello che è, perché intuirà che nel nostro cuore c’è una immagine di come dovrebbe essere la relazione.


E noi non riusciamo a lasciarci andare alla bellezza e alla dolcezza del nostro cucciolo perché sempre saremo impegnati in un eterno confronto, il quale porterà a dei termini qualitativi della nuova relazione, la quale non ha avuto neanche il tempo di nascere che noi abbiamo già dato una connotazione di migliore o peggiore.


Questo ci impedirà di vedere cosa abbiamo realmente tra le mani, 

impegnati come siamo a vedere cosa non abbiamo.

 

Perciò, prima di prendere un cucciolo è molto importante che ognuno di noi si assicuri di avere all’interno del proprio cuore abbastanza spazio per accogliere una nuova creatura, la quale sarà sicuramente differente dalla precedente.


Diverso non vuol dire peggiore. Ma una espressione di una nuova individualità, la quale necessita di spazio e tempo per potersi esprimere senza costrizioni.


Accogliere un cucciolo vuol dire entrare in una nuova fase della vita, in cui si apre un nuovo capitolo, con una nuova storia d’amore ed è importante essere pronti ad accogliere tutti i messaggi e tutte le possibilità che questa nuova creatura ci dà, tenendo nel cuore gli insegnamenti e i ricordi di quello che è stato il nostro passato, il quale ha contribuito a portarci fino a dove siamo adesso.


Se sei in procinto di prendere un cucciolo o sei appena perso il tuo compagno animale, sappi che una consulenza di fiori di Bach con me può darti una mano a tenere nel cuore i doni che hai ricevuto dal passato e accogliere con amore un nuovo futuro, senza che l’uno sminuisca il potere trasformativo e il contributo spirituale che l’altro porta.


Per sapere come iniziare un percorso con i fiori di Bach, puoi mandare una mail ad info@fioridibacheanimali.it

iscriviti alla

newsletter

1 Comment
  • Claudia
    Posted at 17:34h, 21 Dicembre Rispondi

    Bell’articolo. Spero di non fare questo errore quando sarà

Post A Comment